1. Sveglia corpo, mente ed intestino tenue.

Parafrasando Tolkien: “Un caffè per svegliarti, un caffè per alzarti, un caffè per ripigliarti e nel cesso fiondarti”.

2. Ti fa rivalutare l’Italia.

Capita, viaggiando in Europa, di notare come tutto funzioni meglio rispetto al Bel paese: le strade sono pulite, la disoccupazione è bassa, i servizi pubblici sono migliori, si pagano meno tasse, l’erba è più verde, i treni arrivano sempre in orario… e giù invettive contro la povera madrepatria.
Ma alle prime luci dell’alba, quando sorge il sole e si fa colazione in quelle terre straniere lui, il caffè italiano ci manca subito dannatamente. Insostituibile, specie da quegli ettolitri di liquame che i barbari oltralpe osano chiamare “caffè”, per gusto e colore simili alla diarrea. E allora il pensiero corre alla nostra penisola che poi, tutto sommato, non è così malaccio.

3. Ti mette subito dell’umore giusto.

Il futuro è nero, la vita è amara e fa male: sono questi i tre capisaldi dell’esistenza.
E un caffè scuro a colazione, non zuccherato e trangugiato bollente, te li rammenta in un colpo solo, così inizi subito la giornata con il piede giusto.

4. E’ la scusa perfetta per una pausa.

Non importa quanto possa essere duro il tuo ambiente di lavoro o severo il tuo responsabile: il caffè è sempre la scusa più sicura per interrompere quello che stai facendo e cazzeggiare per un buon un quarto d’ora. Non importa che tu sia un impiegato alle prese con scartoffie o un chirurgo nel bel mezzo di un’operazione a cuore aperto: nessuno può negarti una pausa alla macchinetta del caffè.

5. Digestivo.

Il caffè ha un effetto stimolante sulla secrezione gastrica e su quella biliare, che lo rende propedeutico anche alla digestione del pasto più pesante di tua nonna.
E se non fosse sufficiente, ricordiamo che automaticamente chiama l’ammazzacaffè, che in casi particolari può essere anche una pinta del tuo amaro preferito.

6. Tonico naturale.

Una tazzina stimola la funzionalità cardiaca e nervosa, impedendoci di abbioccarci a lavoro durante una riunione, che molti mal nati si ostinano a fissare dopo pranzo.
Nei casi più disperati si può assumere tramite una comoda flebo in endovena.

7. Ti fa dimagrire.

Il caffè stimola l’utilizzo dei grassi corporei a scopo energetico e la termogenesi, ossia ti fa bruciare più calorie. L’effetto è particolarmente efficace se in ufficio la macchinetta del caffè è molto lontana dalla tua postazione e magari devi farti 4 rampe di scale a piedi per raggiungerla.

8. Stimola la fantasia e creatività.

Puoi ordinarlo a bar un po’ come ti pare: in tazza grande, piccola, corretto, in vetro, con poca schiuma, con una goccia di latte caldo, con il latte freddo, metterci lo zucchero di canna, il dolcificante, sputarci dentro… Insomma, hai infiniti modi per fare dannare il tuo barista di fiducia e ricevere creativi sfanculi.

9. E’ un piacevole argomento di conversazione.

A tutti piace raccontare come preparano il caffè. Ci sono i talebani della moka, chi ha abbracciato le capsule, chi i chicchi se li tosta personalmente uno a uno e successivamente li macina, chi elogia le cialde: ognuno ha la sua opinione ed è sempre pronto a litigare con te se la pensi diversamente.

10. Rimorchiare.

Ti posso offrire un caffè?” resta fissa nella top ten delle frasi più gettonate per approcciare il sesso opposto. E’ discreta, poco impegnativa, gradita e soprattutto economica: un caffè lo possono offrire tutti e non si rifiuta mai.

Cordialità,
Il Triste Mietitore

Previous ArticleNext Article