Forse qualcuno di voi si sarà domandato perché, proprio in questo periodo di feste, sono meno presente sui social e sul blog.

La ragione è semplicissima: ve la spiego raccontandovi la mattinata odierna, che è abbastanza rappresentativa di questo periodo.

Alle 7 mi sono svegliato, ho fatto colazione da solo (la mia ragazza non ha ferie ed era già uscita), poi ho portato il biberon con il latte nel lettino di mio figlio.

Alle 7:15 ho spogliato completamente mio figlio e l’ho dovuto lavare, perché si era vomitato il latte addosso e sul letto.

Alle 7:45, tenendo mio figlio in braccio, ho caricato la lavatrice con le lenzuola del lettino, il pigiamino e un orso di peluche che erano stati inondati di vomito al latte.

Alle 9:00 (avevo impostato il programma rapido), mentre distraevo mio figlio con la TV, ho steso la roba, accorgendomi di aver usato la pastiglia per la lavastoviglie al posto di quella della lavatrice. Poco male, è venuto tutto pulito, brillante e profumato al limone.

Alle 10:30 mi sono accorto che, durante un momento di distrazione, mio figlio aveva deciso di evadere dal box e riordinare a modo suo i cassetti della biancheria. Ho rimesso tutto a posto come meglio potevo, ma probabilmente dovrò spiegare alla mia ragazza come mai ci sono dei boxer nel suo cassetto e perché ho un suo reggiseno nel mio.

Alle 11:00, mentre pulivo la lettiera del gatto, mio figlio ha avuto un attacco di fame e si è procurato un grissino, dopo aver rovesciato tutti gli altri per terra.

E questo è quanto. Adesso pubblico questo post in fretta: ho visto mio figlio correre verso il gatto con una scopa e devo fermarlo prima che si faccia cavare gli occhi.

Cordialità,
Il Triste Mietitore

Previous ArticleNext Article