I.

Il mio social preferito.

Invecchiando ho iniziato a comprendere quelli che mi dicevano “Io non sono su Facebook” o “Non ho Twitter” o un altro social a cui io invece ero iscritto. Il tono nella frase alle mie orecchie sembrava quasi significare “Non posso permettermelo“, al che io solitamente replicavo osservando che l’iscrizione e l’uso erano gratis, mica ti scalavano qualcosa dalla carta di credito.

Eppure qualcosa questi servizi te la tolgono.

Read more
C.

Consapevolezza

parco con panchine

L’altro giorno ho avuto una grande illuminazione che mi ha fatto raggiungere di botto il terzo livello del Super Internauta.
Stavo pigramente scrollando Facebook quando il pollice e l’occhio si sono fermati su un post di un mio contatto: era la banale e pacchiana foto di una coppia giuliva e sorridente, abbinata alla didascalia “30 giorni di noi”. Nonostante le mie gonadi si siano repentinamente abbassate di parecchi cm, fino quasi ad impattare con il pavimento, dopo un sospiro sconsolato ho proseguito con il movimento del dito, facendo così salire l’immagine fino a perdersi oltre il bordo dello schermo.

Read more